0 Shares 1271 Views
00:00:00
18 Jan

Roy larner, l’eroismo di un tifoso Contro la barbarie del terrorismo Islamico

Giu 12, 2017
0 1272
Roy larner

Ha 47 anni e un figlio, è un cosiddetto ultrà della squadra di calcio la cui tifoseria si vanta d’essere più odiata di tutta la Gran Bretagna, il Milwall. Ma sabato scorso, mentre Londra era nuovamente sotto attacco della barbarie e del terrorismo islamico, Roy Larner si è comportato da autentico eroe.

Sabato sera, Roy si trovava in un ristorante della city con degli amici, quando gli attentatori hanno iniziato ad aggredire i passanti. Urlavano e inneggiavano ad Allah, cantavano “Islam, Islam” ma lui non è scappato, s’è fermato e ha urlato di essere un tifoso del Millwall, uno che non indietreggia mai di fronte a nessuno. E li ha affrontati, consentendo agli altri clienti e ai membri dello staff del ristorante,di mettersi in salvo. A rendere pubblica la sua storia, sono stati i suoi stessi amici.

Roy ha affrontato i tre islamici a mani nude, rimediando otto coltellate.

Ora è ricoverato in ospedale, fortunatamente non in pericolo di vita. Col suo gesto, Roy ha consentito a decine di persone- tra cui diversi bambini- di mettersi in salvo. E per lui, adesso, si invoca l’attribuzione della George Cross, la più importante onorificenza civile concessa in Gran Bretagna.

Di fronte a una guerra meschina condotta dall’Isis e dai terroristi nel modo più subdolo- con camion lanciati a tutta velocità contro donne, bambini e anziani, con bombe fatte esplodere durante un concerto di teenager- ai popoli dell’Europa e dell’Occidente non resta che aggrapparsi a questi esempi di autentico eroismo.

Un patriottismo del terzo millennio, che ricomprende i valori più alti del sentimento che ispira la scelta di difendere concittadini e connazionali a rischio della propria stessa vita.

Un cittadino qualunque, un tifoso di calcio in questo caso, che nel momento estremo e drammatico in cui si palesa la violenza più cieca non solo non arretra né indietreggia, ma affronta il pericolo senza un attimo di esitazione.

Ci appelliamo spesso a valori e parole che rischiano di perdere, in un mondo sempre più globalizzato e privo di eroi (e di eroismo), il loro significato. E invece basta guardare all’esempio di Londra, un sabato sera al ristorante con gli amici, per riflettere sul fatto che gli eroi e l’eroismo esistono ancora.

Fonte: www.ilgiornale.it

E Roy Larner è un eroe contemporaneo.

You may be interested

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI
Editoriale, Video
0 shares66 views

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI

Redazione - Dic 27, 2019

Col Natale appena trascorso, e il nuovo anno ormai alle porte, Mario Mantovani ha voluto condividere con noi un video-messaggio augurale rivolto a…

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares285 views

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.

Redazione - Dic 16, 2019

Sulle ingiuste detenzioni e i numeri abnormi della carcerazione (spesso) preventiva abbiamo già parlato di recente, sulle colonne virtuali de La Nostra Verità.…

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte
Editoriale, Primo Piano
0 shares1104 views

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte

Redazione - Nov 28, 2019

Provate a pensarci, a pronunciare solamente il numero: 27.000. Scriviamolo in lettere: ventisettemila. Una cittadina di media grandezza. E sapete a cosa ci…

Most from this category