0 Shares 2686 Views
00:00:00
12 Nov

Mario Mantovani: ‘Grottesca la richiesta di condanna a mio carico. E’ il processo a persone perbene’

Apr 11, 2019
0 2687

“Nelle scorse settimane abbiamo ascoltato dalla voce del Pubblico Ministero del processo nel quale mi difendo da 3 anni, senza aver mai saltato neppure un’udienza, delle richieste di condanna che non esito a definire grottesche”. Lo dichiara Mario Mantovani, a seguito della requisitoria del 27 marzo scorso al Tribunale di Milano, pronunciata dal Pubblico Ministero Giovanni Polizzi.

“Nel seguire con attenzione tutto quanto sostenuto dal Pm in aula”, continua Mantovani, “ho avuto la conferma che la pubblica accusa non ha collaborato alla ricerca della verità. Ho ascoltato una sequela di accuse  ferme a un teorema vecchio di 4 anni, come se nulla fosse successo in decine e decine di udienze,  dove sono sfilati 30 testimoni dell’accusa che di fatto hanno smentito le tesi del Pm e nonostante il fatto che il Collegio Giudicante ha ritenuto superfluo ascoltare decine di testimoni della difesa. Spiace pertanto rilevare come il Pm non abbia tenuto conto del dibattimento in tutta la sua evidente ampiezza”.

“Peraltro, su altre ipotesi di reato a suo carico”, aggiunge uno dei difensori di Mantovani, l’avvocato Roberto Lassini, “la Procura di Milano non si e’ conformata alle due pronunce di annullamento della Cassazione e ha lasciato indeterminato il danno e la stessa imputazione dopo che è stata sollevata  la questione della “indeterminatezza e genericita’” dei capi di imputazione. La richiesta di condanna pronunciata oggi ci appare insensata, inattesa;  a dimostrazione della pervicace volontà di dimostrare un teorema che in questi anni abbiamo smontato.  Abbiamo ascoltato una requisitoria che contrasta con la verità e la realtà dei fatti. Toccherà alla nostra difesa, nel corso delle prossime udienze, replicare punto per punto alle accuse mosse, in ordine alla quali abbiamo dimostrato- con abbondanza di fatti e prove- l’innocenza di Mantovani.  Confidiamo in un’attenta analisi del Tribunale e del Collegio, del resto in questi anni ci ha confortato la particolare attenzione  con cui il Collegio stesso ha seguito, passo dopo passo, l’evoluzione di un processo certamente molto articolato e complesso. Siamo certi, soprattutto dopo la pronuncia della nostra arringa difensiva, che questo processo non potrà che concludersi col riconoscimento della verità, e quindi con un verdetto di piena assoluzione”, conclude l’avvocato Lassini.

You may be interested

Alfonso Papa assolto: ma la gogna mediatica se n’è dimenticata (o quasi)
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares242 views

Alfonso Papa assolto: ma la gogna mediatica se n’è dimenticata (o quasi)

Redazione - Nov 04, 2019

  Molti di voi ricorderanno l'onorevole Alfonso Papa, deputato del Pdl che finisce nel tritacarne mediatico-giudiziario nel giugno del 2011, quando la Procura…

‘Mani pulite sulle Coop’. Il Tribunale del Riesame dà (ancora) ragione a Mario Mantovani
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares10982 views

‘Mani pulite sulle Coop’. Il Tribunale del Riesame dà (ancora) ragione a Mario Mantovani

Redazione - Set 30, 2019

Quante volte lo abbiamo detto, ripetuto, anche con una certa punta di comprensibile amarezza. La Verità impiega tempi spesso imperscrutabili, per palesarsi, ma…

La casa era regolare e non abusiva.. E  gli articoli diffamatori? La Verità, alla fine, vince sempre
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares6816 views

La casa era regolare e non abusiva.. E gli articoli diffamatori? La Verità, alla fine, vince sempre

Redazione - Set 11, 2019

  Quando scegliemmo- per il nostro sito e la nostra pagina Facebook- il nome La Nostra Verità qualcuno storse il naso. Usò le…

Most from this category