0 Shares 600 Views
00:00:00
16 Jul

Mantovani: tre volte accusato, tre volte assolto

Ott 26, 2015
0 601

Gentile lettore,
sottopongo alla tua attenzione alcune informazioni, che sono state totalmente ignorate nella rappresentazione di Mario Mantovani e del suo ruolo nella politica lombarda.

Nell’autunno 2012, da coordinatore regionale lombardo del Pdl, Mario Mantovani guida l’operazione pulizia di Regione Lombardia, favorendo un rimpasto della giunta Formigoni che vede l’ingresso di figure quali: il generale Nazzareno Giovannelli assessore a Territorio, Protezione civile e casa; Carolina Pellegrini alla Famiglia; l’avvocato amministrativista nel foro di Milano e professore di “tutela e valorizzazione dei beni culturali” all’Università di Milano Leonardo Salvemini nuovo assessore all’Ambiente; Giovanni Bozzetti al Turismo; Giuseppe Elias all’Agricoltura, e allo Sport il giornalista Filippo Grassia.

Nel 2013, in occasione delle elezioni regionali, si fa promotore prima di una serie di circolari per richiedere criteri seri e rigorosi nella compilazione delle liste del Pdl e, una volta definiti i candidati, anche considerato il clima difficile che si respirava in Lombardia in quei mesi, ‘anticipa’ al procuratore capo di Milano, Bruti Liberati, le liste, al fine di ristabilire un clima complessivo di fiducia.
Sostiene per le liste del Popolo della Libertà nelle dodici province lombarde un deciso rinnovamento, valorizzando giovani amministratori, sindaci, assessori comunali e provinciali, esponenti della società civile. Il gruppo di Forza Italia in Lombardia oggi è infatti profondamente rinnovato rispetto al passato.

Eletto in regione con 13 mila preferenze e assunte il ruolo di vice presidente della regione con delega alla Salute, Mantovani cerca subito di ricostruire un rapporto di collaborazione fattiva con il personale degli uffici di palazzo Lombardia, ormai più abituato a recarsi in procura a rendere testimonianza che a lavorare serenamente, e con gli operatori sanitari, attraverso oltre 150 visite presso le strutture ospedaliere, in due anni e mezzo di lavoro.

Nel 2014, Mantovani ha collezionato ben tre tra assoluzioni e archiviazioni:

per abuso di ufficio, assolto a Milano perché il fatto non sussiste su richiesta dello stesso pm;

per abuso edilizio, procedimento archiviato dalla procura di Rimini, relativamente a un immobile sito sul litorale di Igea Marina;

sulla permanenza di Mantovani nel ruolo di sindaco di Arconate, il tribunale di Busto Arsizio dà ragione a Mantovani contro il ricorso della prefettura.

Informando i colleghi del consiglio regionale di uno dei tre giudizi sopraccitati, a lui favorevole, nel luglio 2014 scriveva: «lo scorso anno, in piena campagna elettorale e sino alla composizione della nuova giunta, quindi per quasi 5 mesi, io e la mia famiglia siamo stati oggetto di una campagna stampa denigratoria a seguito di una denuncia anonima. Una gogna mediatica che si è conclusa solo nei giorni scorsi, dopo un anno e mezzo, con l’archiviazione del caso per “Insussistenza di indizi di reato”. Un episodio spiacevole che potrebbe capitare a chiunque di noi e che richiede una doverosa riflessione morale e politica, ancora più necessaria se fatta da un’Istituzione importante come questo Consiglio regionale.
A mio avviso il rapporto tra informazione e politica andrebbe rivisitato in un’ottica di superiore eticità e rispetto dei diritti della persona; a maggior ragione tale riflessione è doverosa se vengono coinvolte anche le nostre famiglie, i nostri affetti più cari, spesso gettati nel tritacarne mediatico per la sola colpa di essere parenti di un politico».

You may be interested

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI
Editoriale, Video
0 shares426 views

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI

Redazione - Dic 27, 2019

Col Natale appena trascorso, e il nuovo anno ormai alle porte, Mario Mantovani ha voluto condividere con noi un video-messaggio augurale rivolto a…

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares833 views

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.

Redazione - Dic 16, 2019

Sulle ingiuste detenzioni e i numeri abnormi della carcerazione (spesso) preventiva abbiamo già parlato di recente, sulle colonne virtuali de La Nostra Verità.…

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte
Editoriale, Primo Piano
0 shares1608 views

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte

Redazione - Nov 28, 2019

Provate a pensarci, a pronunciare solamente il numero: 27.000. Scriviamolo in lettere: ventisettemila. Una cittadina di media grandezza. E sapete a cosa ci…

Most from this category