0 Shares 3560 Views
00:00:00
18 Jan

Mafia capitale? Non è mai esistita. E Sedriano? Sindaco assolto. Tra giustizialismo e linciaggio mediatico

Feb 14, 2017
0 3561

COMUNE DI SEDRIANO SCIOLTO PER MAFIA, MA IL SINDACO E’ SCAGIONATO DA OGNI ACCUSA. MAFIA CAPITALE NON ESISTEVA, E IL COMPAGNO DELL’EX MINISTRO GUIDI ERA INNOCENTE. MENTRE LA GIUSTIZIA SI DISSOLVE, IL CANCRO DEL GIUSTIZIALISMO E’ BEN LUNGI DALL’ESSERE VINTO

Nel Comune di Sedriano- la prima Amministrazione lombarda sciolta per volere dell’allora ministro degli Interni Angelino Alfano- il sindaco Alfredo Celeste, accusato di aver ‘piegato la sua carica agli interessi della malavita’, non ha in realtà commesso alcun reato e viene assolto dall’Ottava sezione penale del Tribunale di Milano. Assolto non per insufficienza di prove, ma perché ‘il fatto non sussiste’.

 

Quindi, a conti fatti, il Comune viene sciolto per mafia.. Ma la mafia non c’è, dal momento che il vertice dell’Amministrazione locale- Alfredo Celeste- non ha fatto nulla. Una sorta di ‘mafia contumace’.

Ci sarebbe da sorridere, come in una commedia di Totò, se di mezzo non ci fossero le sofferenze inenarrabili degli innocenti trasformati in criminali a prescindere, in special modo da certa stampa- che conosciamo molto bene, pensando al trattamento riservato a Mario Mantovani- che letteralmente getta nel wx il principio cardine su cui si fonda il sistema giudiziario: la presunzione d’innocenza.

Ma per certe persone- che lucrano sul dolore e la sofferenza, e che spesso hanno la tentazione di trasformare inchiesta da prima pagina in trampolini di lancio per carriere personali e l’ottenimento di incarichi e prebende- la preghiera dell’innocente, la sua richiesta di ascolto o di comprensione, non vale nulla. Valgono solo le quantità indescrivibili di fango, fiele e curaro gettate sui presunti colpevoli e le loro famiglie.

Valgono le urla sguaiate dei manettari che urlarono nella piazza di Sedriano, alla figlia di Alfredo Celeste durante una manifestazione, ‘porta le arance in carcere a tuo padre’.

iustitiakant

 

Ma non c’è solo il caso di Sedriano, ad essere inquietante. Nelle ultime settimane, due notizie clamorose sono state sottaciute da buona parte della stampa e dei giornali. Soprattutto, non le avete trovate su nessuna prima pagina.

La prima riguarda l’arcinota indagine divenuta celeberrima col nome di Mafia capitale, riguardando ossia la città di Roma. Ebbene, in questo caso il giudice istruttore ha disposto l’archiviazione di 113 indagati su 116. E’ inoltre cambiata l’imputazione a carico dell’ex sindaco Gianni Alemanno, a cui non viene più contestato il reato di “associazione mafiosa”. L’archiviazione disposta in fase istruttoria significa che vi è la prova dell’innocenza dell’imputato, o manca del tutto la prova della sua colpevolezza.

mafiacapitale

Il grande imbroglio

Facciamola ancora più semplice: per 113 imputati, i PM hanno svolto indagini che non hanno dato risultato.

Insomma: “Mafia capitale” non esiste più, o meglio non è mai esistita.

Torniamo a Sedriano: e chi li risarcisce, adesso, gli innocenti?

Sempre da Roma è arrivata a gennaio un’altra notizia clamorosa. Ricordate l’indagine sugli impianti petroliferi di Tempa Rossa, che coinvolse l’allora compagno dell’ex ministro Federica Guidi, finita ovviamente sulle prime pagine con tanto di gogna mediatica?

 

Ebbene, anche in questo caso la Procura (di Roma) ha chiesto l’archiviazione per l’imprenditore. Ma non c’è la notizia, perché difficilmente la leggerete, e non ci sono neppure le scuse di chi ha speculato a lungo su quella non notizia – e purtroppo neppure questa è una notizia. Eppure, nell’aprile di un anno fa, la notizia trovò molto spazio sulle prime pagine dei giornali. Per ‘mascariare’ l’ex ministro Guidi e il suo compagno, nessun giornale in quei giorni ha esitato a pubblicare anche le intercettazioni penalmente non rilevanti offerte come dei supplì dai magistrati ai giornalisti – “Mollami, non mi puoi trattare come una sguattera del Guatemala” – e nessuno dunque pagherà nulla per uno sputtanamento gratuito e nessuno chiederà scusa per aver giocato con la privacy degli altri.

E questa sarebbe giustizia?

You may be interested

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI
Editoriale, Video
0 shares66 views

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI

Redazione - Dic 27, 2019

Col Natale appena trascorso, e il nuovo anno ormai alle porte, Mario Mantovani ha voluto condividere con noi un video-messaggio augurale rivolto a…

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares285 views

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.

Redazione - Dic 16, 2019

Sulle ingiuste detenzioni e i numeri abnormi della carcerazione (spesso) preventiva abbiamo già parlato di recente, sulle colonne virtuali de La Nostra Verità.…

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte
Editoriale, Primo Piano
0 shares1104 views

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte

Redazione - Nov 28, 2019

Provate a pensarci, a pronunciare solamente il numero: 27.000. Scriviamolo in lettere: ventisettemila. Una cittadina di media grandezza. E sapete a cosa ci…

Most from this category