0 Shares 3931 Views
00:00:00
08 Dec

‘La mafia brianzola? Piena di cumenda ma senza boss’, di Tiziana Maiolo

Ott 01, 2017
0 3932

Nel panorama di una stampa che da anni- nonostante i casi di Enzo Tortora, Clemente Mastella, Bruno Contrada, Filippo Penati, Calogero Mannino e di decine di politici eccellenti imputati e poi assolti- resta in molti, troppi casi allineata alle Procure e incapace di concepire che l’unica voce nelle indagini NON è quella dell’accusa, il quotidiano Il Dubbio- diretto da Piero Sansonetti- rappresenta una felice ancorché rara eccezione. Nei giorni scorsi Tiziana Maiolo- che da molti anni, coerentemente, difende le ragioni e la cultura del garantismo- ha scritto un pezzo sulla vicenda di Seregno e il coinvolgimento di Mario Mantovani. Un pezzo che vi riportiamo integralmente. Buona lettura.

IL ROMANZO DELLA MAFIA BRIANZOLA PIENO DI CUMENDA E SENZA L’OMBRA DI UN BOSS

di Tiziana Maiolo

La regola è sempre la stessa: strillare su giornali e tv che i nostri territori sono invasi dalle mafie, poi diffondere un pacco di intercettazioni e una bella grande foto con al centro un personaggio politico che non c’entra niente ma che viene subito guardato con sospetto.

E’ successo con Mafia Capitale, che mafia non era, come certificato dalla sentenza di primo grado. Sta capitando qualcosa di simile in Lombardia, dove un’inchiesta sulla ’ ndrangheta è stata mescolata in un minestrone velenoso con le indagini su un sindaco pressato da un imprenditore forse un po’ troppo trafficone e chiacchierone, che in qualche telefonata diceva di avere come punto di riferimento politico il senatore Mario Mantovani.

maiolo

Gli ingredienti ci sono tutti. Che in Brianza come un po’ in tutto il nord ci sia la ‘ ndrangheta, è fatto certo. Del resto le mafie vanno dove c’è maggiore accumulazione di capitali. E si sa anche di quali reati, oltre a quello associativo, si rendono responsabili gli uomini della criminalità organizzata: traffico di droga, estorsioni, incendi, ricatti, detenzione di armi, omicidi. Di questa parte dell’inchiesta, presentata in gran pompa nei giorni scorsi al palazzo di giustizia di Milano dalla Dda di Milano e Monza, però non si sa pressoché nulla, nessun mezzo di comunicazione ne parla. Il che è un po’ singolare, se viene lanciato un allarme ( attenzione cittadini, siete invasi dai mafiosi) è bene che tutti sappiamo da chi dobbiamo difenderci. Invece niente. Evidentemente nella conferenza stampa non se ne è parlato. Oppure i nostri colleghi non lo hanno ritenuto interessante.

Sappiamo invece tutto su quel che sarebbe accaduto un paio di anni fa all’interno del Comune di Seregno, pacifica ( fino a ora, visto che la giunta ieri si è anche sciolta) cittadina di 45.000 abitanti nel cuore della ricca Brianza. Un centinaio di pagine di intercettazioni ambientali è dedicato a discussioni, litigi e pettegolezzi tra un gruppo di tecnici che battibeccavano sulle procedure necessarie per una variazione d’uso di un terreno su cui un imprenditore, Antonino Lugarà, intendeva costruire un supermercato. Il terreno andava forse prima bonificato, ma non tutti erano d’accordo. La delibera doveva essere di giunta o di consiglio? Di cose così si discuteva.

Lugarà è stato arrestato per corruzione, perché con i voti per le elezioni del 2015 si sarebbe comprato il sindaco Edoardo Mazza ( anche lui in manette), che avrebbe ricambiato con la variazione d’uso del suo territorio. E fino a qui sarà tutto nelle mani dei giudici ( se si arriverà a processo) valutare se ci siano state irregolarità tecniche e anche, eventualmente, se i voti, che l’imprenditore valuta nel numero di 30, siano da considerarsi “altra utilità”, come prevede il codice per stabilire se un pubblico ufficiale, che non ha incassato mazzette, sia stato comunque corrotto.

Che cosa c’entra la ‘ ndrangheta? Il fatto è che Antonino Lugarà viene descritto come un capomafia. Infatti quando viene svaligiata la casa della figlia, cui vengono rubati tutti i gioielli, l’imprenditore sparge la voce, e chiede non alla polizia ma ad “altri” se si riesce a recuperarli. Ma invano. Strano comportamento per un capomafia, che si lascia svaligiare e non è neanche in grado di recuperare la refurtiva. Va anche detto però che Lugarà è calabrese ( questo è già sospetto) e magari frequenta qualche ambiente un po’ borderline. Forse, non sappiamo.

Ma il vero peccato mortale di questo imprenditore che passa le giornate a stressare per il supermercato i tecnici del comune di Seregno e anche il sindaco Mazza ( il quale a un certo punto si lascerà scappare al telefono «ogni promessa è debito» ) è la sua conoscenza con l’ex vicepresidente della Regione Lombardia, il senatore Mario Mantovani, che considera un suo punto di riferimento politico. Mantovani come ha detto nell’intervista al nostro giornale – è stato a Seregno durante la campagna elettorale del 2015, come altri dirigenti del centrodestra hanno fatto, e ha festeggiato insieme agli altri la vittoria. Ma quando, tramite Lugarà, gli viene chiesto ( mentre era assessore alla sanità) di trasferire un certo primario e di promuoverne un altro, non lo fa. Il che dimostra, non solo che non c’entra con la mafia, ma neppure con eventuali intrallazzi o clientelismi a Seregno. Inoltre non c’è una sua intercettazione nell’inchiesta, ma solo conversazioni di altri su di lui. Si dice che è forte, che è potente. Gravissimo.

Ma c’è quella foto in cui lui è con il sindaco presunto corrotto e con l’imprenditore presunto corruttore e anche presunto mafioso. Come negargli un’informazione di garanzia e soprattutto una bella gogna mediatica? Il ministro Poletti si è salvato da quella foto di Mafia capitale, e così sarà per Mantovani. Ma intanto…

 

TIZIANA MAIOLO

TIZIANA MAIOLO

You may be interested

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte
Editoriale, Primo Piano
0 shares864 views

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte

Redazione - Nov 28, 2019

Provate a pensarci, a pronunciare solamente il numero: 27.000. Scriviamolo in lettere: ventisettemila. Una cittadina di media grandezza. E sapete a cosa ci…

Alfonso Papa assolto: ma la gogna mediatica se n’è dimenticata (o quasi)
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares309 views

Alfonso Papa assolto: ma la gogna mediatica se n’è dimenticata (o quasi)

Redazione - Nov 04, 2019

  Molti di voi ricorderanno l'onorevole Alfonso Papa, deputato del Pdl che finisce nel tritacarne mediatico-giudiziario nel giugno del 2011, quando la Procura…

‘Mani pulite sulle Coop’. Il Tribunale del Riesame dà (ancora) ragione a Mario Mantovani
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares11120 views

‘Mani pulite sulle Coop’. Il Tribunale del Riesame dà (ancora) ragione a Mario Mantovani

Redazione - Set 30, 2019

Quante volte lo abbiamo detto, ripetuto, anche con una certa punta di comprensibile amarezza. La Verità impiega tempi spesso imperscrutabili, per palesarsi, ma…

Most from this category