0 Shares 2146 Views
00:00:00
26 Sep

Immigrazione? No, invasione. Mario Mantovani: ‘E’ ora di dire basta, serve un nuovo Piano Marshall’

Giu 26, 2017
0 2147

 

Si scrive immigrazione ma si legge invasione. Numeri impressionanti, decine di migliaia di sbarchi ininterrotti di migranti sulle coste italiane, a dispetto della dichiarazione (mai smentita) del commissario europeo Avramopoulos, secondo cui almeno il 70% dei richiedenti asilo NON ne ha diritto, pertanto è clandestino a tutti gli effetti.

E sono devastanti gli effetti che socialmente sta assumendo il fenomeno a Milano e provincia: sono più di 5mila i migranti che la Prefettura e il Governo vorrebbero assegnare ai Comuni, nella misura di circa 500 per ogni area omogenea (Magentino, Castanese, Abbiatense, Legnanese).

Per gridare ad alta voce il proprio NO a un modello d’integrazione che mostra- giorno dopo giorno- la sua inefficacia, Mario Mantovani è stato martedì 20 giugno prima a Roma, dove ha partecipato assieme a Daniela Santanché alla manifestazione di protesta contro lo Ius Soli davanti al Senato, e successivamente a Santo Stefano Ticino, dove assieme al sindaco Dario Tunesi e a diversi amministratori dell’Est Ticino si è affrontato- in un incontro pubblico- il drammatico e scottante tema dell’accoglienza.

mmimmigra1

Parliamo di un problema e di un tema che tocca (eaffligge) l’Italia e gli italiani come mai era successo nel recente passato, ecco perché diventa  importante”, ha esordito Mario Mantovani.

“L’immigrazione e la sua fallimentare gestione  avrà ripercussioni per i prossimi 25-30 anni della nostra Nazione; penso sia una vergogna che un governo che non è frutto della volontà popolare approvi leggi che influenzeranno la nostra vita per decenni. Negli ultimi  giorni sono arrivati altri 10mila immigrati dalle coste africane, la proiezione sul  2017 è un aumento su base annua  del 48% rispetto allo scorso anno.

In Germania è stata presentata un’interrogazione al Parlamento che chiedeva quanti sono gli immigrati scomparsi dall’anagrafe, ossia che hanno chiesto asilo e sono scomparsi: la risposta è stata 143mila. In Italia non abbiamo ancora nessun dato del genere disponibile..

mmimmigra2

C’è una situazione di totale caos, nei nostri centri di accoglienza. Quanti clandestini ci sono? Quante persone metteremo a disposizione della criminalità organizzata?Arrivo dalla stazione Centrale, dove la situazione è quasi agghiacciante.

Pensiamo inoltre che nel 2012 63mila stranieri sono diventanti italiani. Nel 2013-14, 129mila immigrati hanno chiesto la cittadinanza italiana. L’analisi sociologica è chiarissima: il costo dell’immigrazione, più di 4 miliardi euro spesi sino ad oggi dallo Stato italiano,  è puro debito pubblico aggiuntivo.

Pensiamo solo al fatto che il Ministero della Salute deve più di  200 milioni euro alla sola Lombardia per le prestazioni sanitarie prestate ai richiedenti asilo, mentre nello stesso momento diamo appena 280 euro al mese ad un disabile mentre ora ci permettiamo il ricongiungimento degli immigrati.  Sostanzialmente, stiamo facendo la guerra ai nostri cittadini italiani, intaccandone la sovranità. Ecco perché i sindaci che hanno detto no sono state persone coraggiose. Nel 1999 fui eletto deputato europeo, ero nella Commissione Affari Sociali e presentai un emendamento che disponeva enormi cifre per i rifugiati e chiesi di estenderlo ai migranti. Fu respinto da Prodi, che allora dimostrò di non avere lungimiranza. Anche gli italiani sono stati migranti, ma hanno costruito il benessere di quelle nazioni. E attendevano 40 giorni per essere dichiarati sani e adatti ad entrare nella più grande nazione del mondo, ossia gli Stati Uniti d’America.

Alla politica oggi viene chiesto uno sforzo supplettivo, ossia la capacità di trovare soluzioni di ampio respiro che superino la contingenza. E allora, riprendendo quella che fu un’intuizione di Silvio Berlusconi (quanto ci manca, la lungimiranza della sua politica estera..), penso sia il momento di lanciare un nuovo, grande piano Marshall per l’Africa, per interrompere questo flusso insostenibile di migranti. Un’idea in grado non solo di gestire la contingenza, ma di affrontare i prossimi decenni. Non servono solo critiche, ma anche proposte. Parliamo della formazione, della cittadinanza, del doversi attenere alle regole di un paese che ti accoglie.Pensiamo a quanto furono lungimiranti gli accordi con la Libia, che negli anni dell’ultimo governo di centrodestra portarono quasi ad azzerare gli sbarchi, invece oggi abbiamo un ministro degli Esteri che vota lo Ius Soli.. A proposito del quale dico che non puoi imporre la cittadinanza a chi non la vuole, pertanto ora la lotta sarà quella del referendum contro questa legge. Chiudo sperando che la nostra italianità non venga svenduta. La nostra Nazione non può essere rovinata”, ha concluso Mantovani.

mmimmigra3

You may be interested

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI
Editoriale, Video
0 shares660 views

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI

Redazione - Dic 27, 2019

Col Natale appena trascorso, e il nuovo anno ormai alle porte, Mario Mantovani ha voluto condividere con noi un video-messaggio augurale rivolto a…

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares1079 views

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.

Redazione - Dic 16, 2019

Sulle ingiuste detenzioni e i numeri abnormi della carcerazione (spesso) preventiva abbiamo già parlato di recente, sulle colonne virtuali de La Nostra Verità.…

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte
Editoriale, Primo Piano
0 shares1846 views

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte

Redazione - Nov 28, 2019

Provate a pensarci, a pronunciare solamente il numero: 27.000. Scriviamolo in lettere: ventisettemila. Una cittadina di media grandezza. E sapete a cosa ci…

Most from this category