0 Shares 4148 Views
00:00:00
16 Dec

Cornuto, mazziato.. e infine assolto. L’incredibile vicenda di Filippo Penati

Ott 06, 2017
0 4149

In questi giorni, nei quali ancora una volta emerge come il rapporto tra politica e magistratura sia un nodo gordiano e irrisolto del sistema Italia (le ‘modalità di trattamento’ del caso Seregno, e il fango gettato ancora una volta addosso a Mario Mantovani), è passata quasi sotto silenzio la seconda assoluzione- nel processo d’Appello- di Filippo Penati, ex presidente della Provincia di Milano ed ex Vicepresidente del Consiglio Regionale della Lombardia.

Su Penati è caduta la ‘fatwa’ giustizialista e manettara: carriera politica finita, prima assoluzione, seconda assoluzione. Un incubo che finisce. Ma il risalto dato alla notizia è quasi esattamente speculare al clamore suscitato dal via alle indagini, nel 2011. 

Filippo Penati, come molti altri esponenti delle istituzioni, è stato cornuto, mazziato e assolto. E chi glieli restituisce, ora, gli anni persi nel crogiolo e nel tritacarne mediatico-giudiziario? Cosa ne sarà della sua storia politica?

Ne parla lo stesso Penati, in questa intervista illuminante concessa nei giorni scorsi al quotidiano Il Dubbio, e che offriamo integralmente ai lettori de La Nostra Verità.

Buona lettura.

Penati: «Il vero colpevole del mio processo è la stampa»

«Il sistema dell’informazione ha molte colpe. Purtroppo fino all’apertura del processo si sente solo e soltanto la voce dell’accusa»

«Sono doppiamente soddisfatto: per la conferma dell’assoluzione e la condanna alle spese delle parti civili, accanite contro di me». Filippo Penati, ex presidente della Provincia di Milano e vicepresidente del consiglio regionale lombardo, ha incassato la conferma della sua assoluzione in appello: non c’era nessun “sistema Sesto”, ma la sua carriera politica è uscita in pezzi dall’inchiesta. «Col senno di poi, però, le dico che non ho rimpianti: oggi in politica sarei una mosca bianca. Ora sono sereno, ho rimesso in fila i valori della mia vita».

La sentenza d’appello conferma l’assoluzione in primo grado. Aveva dubbi?

Nessuno. Era una sentenza attesa e ha solo confermato il fatto che si sia trattato di un processo senza alcun elemento a sostegno di un impianto accusatorio che era suggestivo quanto un romanzo giallo, ma frutto di pura fantasia. Confesso però che questa sentenza di appello mi ha dato una doppia soddisfazione.

penati

E quale sarebbe?

Le parti civili, ovvero l’ex provincia di Milano e la Serravalle, sono state condannate alle spese processuali. Per me è una soddisfazione perchè è una sanzione contro l’accanimento sia della Procura di Monza che delle parti civili, che non hanno voluto riconoscer- si in una sentenza di primo grado ben argomentata e hanno deciso comunque di appellare, al termine di un processo durato più di due anni, in cui sono stati ascoltati decine di testimoni.

Esiste sempre il ricorso in Cassazione.

Ecco, io sinceramente mi auguro che questa sentenza metta fine a questo lungo iter processuale durato quasi sette anni. Spero che anche la Procura si sia convinta e che ogni elemento sia stato chiarito.

Sette anni non sono pochi. Si è sentito intrappolato in questo processo?

Ricordo come fosse ieri la mattina del 20 luglio 2011. Alle 7 del mattino si è presentata la Guardia di Finanza e mi ha informato dell’indagine, poi hanno perquisito la mia casa e gli uffici della Regione Lombardia, dove allora ero vicepresidente del consiglio regionale. Sono stati anni durissimi, in cui ho vissuto lo sconcerto di non riuscire a capire quali fossero le contestazioni a mio carico ma soprattutto l’angoscia al pensiero delle ricadute di una cosa del genere sulla mia famiglia e su me stesso.

C’è stato un momento in cui ha iniziato a sperare nell’assoluzione?

Guardi, appena è partito il processo ho capito che tutto si sarebbe risolto in un nulla. Sin dall’inizio ero certo che non ci fosse niente a mio carico e, non appena l’accusa ha svelato le carte, ne ho avuto la certezza. E’ stato allora che ho trovato in me la forza di essere sereno, convinto che tutto si sarebbe risolto positivamente. Questi sei anni, però, mi sono sembrati interminabili e mi hanno segnato in modo indelebile: solo dopo la sentenza di primo grado ho ripreso in mano la mia vita.

iustitia

Una vita che, prima dell’inchiesta, era tutta votata alla politica, con una carriera che in quella fase era all’apice.

Indubbiamente il processo ha bruscamente interrotto la mia carriera. Sono passato dalle stelle alle caverne, diciamo. Dopo la sentenza di primo grado, però, ho ricominciato a vivere scoprendo altri interessi: oggi sono presidente della più gloriosa società di basket femminile in Italia, dal 1 settembre sono in pensione e sono anche diventato nonno. Insomma, ho rimesso in fila i valori e le priorità della vita e oggi sono tranquillo e, soprattutto, sereno.

Dica la verità, la politica non le manca nemmeno un poco?

La passione politica rimane e non si cancella, ma non ho intenzione nel breve periodo di tornare ad avere un ruolo attivo. Tra l’altro, le confesso che questo particolare momento politico non mi affascina per nulla. Lo considero una fase di imbarbarimento, in cui prevale la deriva demagogico- populista e la politica ha abdicato al proprio ruolo: la linea la dettano i sondaggi e non le convinzioni personali.

Davvero non si porta dentro alcun rimpianto?

Glielo dico sinceramente: con il senno di poi posso dire che questa indagine, che pure non ha portato a nulla e mi ha colpito in maniera così pesante, non mi ha privato di qualcosa che oggi ambirei a continuare a svolgere. Non ho grandi rimpianti, ecco.

Si sente, allora, di indicare qualche responsabile?

Il sistema dell’informazione ha molte colpe. Purtroppo, fino all’apertura del processo si sente solo e soltanto la voce dell’accusa e io sono stato processato dal sistema mediatico, solo sulla base della voce di chi mi accusava.

iustitia

La sua sentenza d’appello segue all’assoluzione dall’accusa di associazione per delinquere a Ottaviano del Turco e a quella piena dell’ex sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni. Il sistema politico si sta prendendo la rivincita?

Io credo che le ultime sentenze debbano almeno far riflettere il mondo dell’informazione, che in molti casi ha ecceduto nel dare per definitive le accuse, come se fossero già una condanna. D’altra parte, le dico anche che proprio queste sentenze mi rafforzano nella convinzione della bontà del sistema giudiziario e nella fiducia nella giustizia.

Eppure prima parlava di accanimento da parte della Procura di Monza.

Si ma io mi sono difeso nel processo e ho trovato giudici che, superando la pressione mediatica, hanno espresso un giudizio attinente a quanto emerso nella fase dibattimentale, senza far prevalere un pregiudizio sorto sulla base dell’esposizione sulla stampa. Dopo questi sette anni, si è rafforzata in me la fiducia che in Italia ci siano giudici capaci di non essere condizionati dalla pressione dei media e dallo strapotere dell’accusa nella fase istruttoria, ma decisi a fare giustizia.

You may be interested

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares37 views

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.

Redazione - Dic 16, 2019

Sulle ingiuste detenzioni e i numeri abnormi della carcerazione (spesso) preventiva abbiamo già parlato di recente, sulle colonne virtuali de La Nostra Verità.…

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte
Editoriale, Primo Piano
0 shares941 views

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte

Redazione - Nov 28, 2019

Provate a pensarci, a pronunciare solamente il numero: 27.000. Scriviamolo in lettere: ventisettemila. Una cittadina di media grandezza. E sapete a cosa ci…

Alfonso Papa assolto: ma la gogna mediatica se n’è dimenticata (o quasi)
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares345 views

Alfonso Papa assolto: ma la gogna mediatica se n’è dimenticata (o quasi)

Redazione - Nov 04, 2019

  Molti di voi ricorderanno l'onorevole Alfonso Papa, deputato del Pdl che finisce nel tritacarne mediatico-giudiziario nel giugno del 2011, quando la Procura…

Most from this category