0 Shares 7525 Views
00:00:00
06 Dec

Christian Garavaglia, la passione civile per Turbigo e la storia dell’amicizia con Mario Mantovani, ‘politico della lealtà’

Mar 13, 2017
0 7526

Inauguriamo, con questa intervista al sindaco di Turbigo (Milano), Christian Garavaglia, una nuova sezione della Nostra Verità: il racconto della storia di collaborazione e di amicizia tra Mario Mantovani e sindaci, amministratori e amici impegnati politicamente in ogni parte della Lombardia e dell’Italia.

Consigliere comunale di Turbigo nel 1997, rieletto nel 2001, assessore al Bilancio nella prima giunta di centrodestra nel suo paese, inaugurando una lunga stagione di buon governo.  Nel 2006 diventa vicesindaco, quindi nel 2011 la corsa a sindaco con Pdl, Udc e Insieme per Turbigo. Il 5 giugno 2016 viene rieletto col 56%, ottenendo uno di migliori risultati di tutto il centrodestra in Lombardia.

E’ il sunto della vita politica e amministrativa di Christian Garavaglia, 43 anni, sindaco di Turbigo dal 2011, docente universitario alla facoltà di  Economia Industriale  all’Università degli Studi di Milano Bicocca, collaboratore del Centro Ricerca Icrios all’Università Luigi Bocconi, docente di Microeconomia alla facoltà della Liuc di Castellanza.

Christian matura la sua passione politica da ragazzo, “quando per me era un sogno, era dare un contributo per migliorare il paese”, ci racconta Christian. “Sono stato inizialmente spinto da una forte idealità maturata in famiglia, ispirata a quei valori che ho appreso sin da ragazzo. Oggi, per me la politica è grande impegno, un impegno più difficile da attuare a causa delle ristrettezze in cui vivono gli enti locali, e per la burocrazia che silentemente smorza la capacità di innovazione e la velocità di risposta”.

Turbigo, da anni, è un Comune della Città Metropolitana di Milano a pochi chilometri dall’aeroporto di Malpensa, dove i fiori all’occhiello sono un bilancio sano, l’annullamento- da anni, ormai- della Tasi sulla prima casa, dov’è stato completato il recupero di Imu dovuta dalla centrale Enel per un totale di 5.200.000  euro, risorse che saranno investire in opere pubbliche, dopo che è stato rimosso l’amianto dai tetti della scuola media e concluso il rinnovamento delle conche di navigazione lungo il Naviglio Grande.

Dopo la trionfale rielezione del 2016, sostenuto da centrodestra e Lega Nord, il sindaco Garavaglia ha orientato il secondo mandato puntando sul potenziamento dell’illuminazione pubblica, sulle scuole, la nuova palestra, l’introduzione di un sistema di controllo degli accessi al territorio per incrementare la sicurezza, l’acquisto di un nuovo scuolabus per bambini.

Dopo aver praticato molti sport da giovane, tennis ed anche pugilato, oggi Christian è felicemente sposato con Alice e da qualche mese è il papà di Leonardo.

L’INCONTRO CON MARIO MANTOVANI

Il primo incontro tra Christian Garavaglia risale al periodo in cui Mario Mantovani era sindaco di Arconate ed europarlamentare (durante il mandato 1999-2004).

chrisin

“Di Mario Mantovani mi colpì immediatamente la capacità di tessere un rapporto stretto col territorio che ci  ha sempre accomunato”, ricorda Garavaglia. “Mantovani è sempre stata una persona dalle indiscusse capacità di mediazione, nonché di una ferrea  organizzazione. Da politico, ma non solo, ho sempre apprezzato sia la sua grande disponibilità al dialogo col prossimo e il modo concreto- schiettamente, profondamente lombardo- di dare risposta ai bisogni. Mario Mantovani ha sempre interpretato la politica come l’essere e il sentirsi espressione di una comunità.

Un rapporto che l’arresto del 2015 non ha minimamente scalfito. “La vicenda giudiziaria che ha colpito Mario Mantovani ha suscitato- in me come in molti- grande stupore, specie per chi come me conosce bene la persona, prima che il politico. Ho continuato- senza mai smettere- a coltivare amicizia e stima, soprattutto il rapporto umano, tutti valori  che vanno ben oltre certi accadimenti. Aver creato dei rapporti veri è la sua autentica forza, anche e soprattutto oggi. E così è stato, a dimostrazione del fatto che Mario Mantovani ha saputo lavorare molto bene per rafforzare l’Altomilanese e il territorio. Ma soprattutto per creare, tenendo viva, una comunità umana prima che politica”.

chrisin2

You may be interested

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte
Editoriale, Primo Piano
0 shares813 views

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte

Redazione - Nov 28, 2019

Provate a pensarci, a pronunciare solamente il numero: 27.000. Scriviamolo in lettere: ventisettemila. Una cittadina di media grandezza. E sapete a cosa ci…

Alfonso Papa assolto: ma la gogna mediatica se n’è dimenticata (o quasi)
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares305 views

Alfonso Papa assolto: ma la gogna mediatica se n’è dimenticata (o quasi)

Redazione - Nov 04, 2019

  Molti di voi ricorderanno l'onorevole Alfonso Papa, deputato del Pdl che finisce nel tritacarne mediatico-giudiziario nel giugno del 2011, quando la Procura…

‘Mani pulite sulle Coop’. Il Tribunale del Riesame dà (ancora) ragione a Mario Mantovani
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares11108 views

‘Mani pulite sulle Coop’. Il Tribunale del Riesame dà (ancora) ragione a Mario Mantovani

Redazione - Set 30, 2019

Quante volte lo abbiamo detto, ripetuto, anche con una certa punta di comprensibile amarezza. La Verità impiega tempi spesso imperscrutabili, per palesarsi, ma…

Most from this category