0 Shares 2579 Views
00:00:00
18 Jan

33 assoluzioni su 33 processi. Bassolino e Mastella, quando la (mala)giustizia si tramuta in un inferno

Nov 23, 2018
0 2580

 

Trentatré volte. Ripetete con noi: trentatré. Ma non stiamo ripetendo a memoria l’ironico adagio sui residenti a Trento, bensì il numero stellare di assoluzioni totalizzate da due volti molto noti della politica negli ultimi decenni: Antonio Bassolino e Clemente Mastella.

Il primo sindaco di Napoli, presidente della Campania e già membro di Governo, il secondo attuale sindaco di Benevento ed ex ministro della Giustizia (…).

Trentatré sono i procedimenti giudiziari intentati contro di loro, finiti con altrettante assoluzioni. Una mostruosità: più di 20 anni, circa 10 a testa, di gogna mediatica, giustizialista e manettara, sommate alle indicibili sofferenze familiari e personali.

“Finora ho subito una quindicina di processi, finiti tutti bene. Ero arrivato a collezionare un totale di richieste di anni di pena per circa cento anni. Una somma di condanne superiore a quelle del processo di Mafia Capitale”. Cosi’ l’ex ministro della Giustizia, ora sindaco di Benevento, Clemente Mastella, commentando l’assoluzione all’accusa di malversazione (per la vicenda di contributi per l’editoria al giornale di partito) mentre si è prescritta quella di truffa ed appropriazione indebita: la notizia è delle scorse settimane. L’inchiesta era quella dei fondi Udeur.

“La giustizia – sottolinea – se vuole migliorare, deve cambiare”. Personalmente, ricorda, “appena nominato Guardasigilli sono diventato una specie di Provenzano dei reati contro la pubblica amministrazione. Non ho mai alzato la voce, mi sono difeso nei processi”.

Ancora più dura la vicenda giudiziaria di Antonio Bassolino, 71 anni, il cui calvario è durato dieci anni.

“Sento un dovere di sincerità. La naturale soddisfazione per la nuova assoluzione si intreccia con una grande tristezza che da tempo mi porto dentro. Tanti silenzi in questi anni, a Napoli e a Roma. Eppure in diverse occasioni si poteva dire: fiducia nella giustizia e fiducia in Antonio Bassolino. Quanta amarezza, in momenti delicati e difficili, e che follia autolesionista il fuoco amico contro di me”.

Nessuno dei leader del Pd, da D’Alema a Veltroni a Bersani, ha mai voluto usare quelle tre parole: ‘Fiducia in Bassolino’. Mai.

E così, la vicenda politica di un uomo che è stato tra i politici più importanti del Sud si è interrotta, senza più alcuna ripresa. L’assoluzione è arrivata 18 volte su 18, ma nessun richiamo in prima pagina- su Corriere, Repubblica o Fatto Quotidiano- per Bassolino. Nessuno. Solo il silenzio gelido seguito alla solita aggressione giustizialista.

Il perché di questa autentica barbarie lo ha spiegato molto bene Roberto Maroni in uno dei suoi contributi settimanali sul Foglio:

“Nel diritto penale l’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. E’ un principio di civiltà giuridica, consacrato dalla nostra Costituzione all’articolo 27. Bene. Peccato Antonio Bassolino e Clemente Mastella, assolti 33 volte su 33. Ripetete con noi: trentatré..

Anche noi, del resto, conosciamo qualcuno che si sta battendo con forza (la forza di un leone) per riaffermare i sacri principi della giustizia giusta, che a cominciare dalla forzata  privazione della libertà preventiva di giusto- ad oggi- non è stata affatto espressione sincera. Lo fa per la giustizia, per l’onore, per la libertà, per la verità. E spesso- se è sentenza politica come lo è stata la carcerazione preventiva- si rischia sia già scritta. Se è sentenza di giustizia, l’attendiamo sereni.

You may be interested

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI
Editoriale, Video
0 shares66 views

PER UN NUOVO ANNO INSIEME. GLI AUGURI DI MARIO MANTOVANI

Redazione - Dic 27, 2019

Col Natale appena trascorso, e il nuovo anno ormai alle porte, Mario Mantovani ha voluto condividere con noi un video-messaggio augurale rivolto a…

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.
La nostra battaglia di verità, Primo Piano
0 shares285 views

Ogni otto ore un innocente va in galera. Lo ripeta con noi, presidente Roberto Fico: ogni otto ore.

Redazione - Dic 16, 2019

Sulle ingiuste detenzioni e i numeri abnormi della carcerazione (spesso) preventiva abbiamo già parlato di recente, sulle colonne virtuali de La Nostra Verità.…

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte
Editoriale, Primo Piano
0 shares1104 views

27.000 persone arrestate in Italia- dal 1992 ad oggi- e poi assolte

Redazione - Nov 28, 2019

Provate a pensarci, a pronunciare solamente il numero: 27.000. Scriviamolo in lettere: ventisettemila. Una cittadina di media grandezza. E sapete a cosa ci…

Most from this category